Centro sportivo d’interesse regionale ai Prati Maggiori

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 

Indagine preliminare sulla fattibilità di una compensazione agricola regionale

Il 13 maggio 2003 Il Dipartimento del Territorio rispondeva alla richiesta del 17 luglio 2002 presentata dal Municipio di Agno relativa all’istituzione di una zona AP-EP per un centro sportivo regionale. Come rilevato nel documento, la sottrazione di un territorio agricolo di 60'000 m2 rappresenta uno dei punti più incerti dell’operazione.

“Il Comune di Agno dovrà ad ogni modo presentare una documentazione aggiornata della delimitazione e quantificazione delle superfici SAC sul proprio territorio, come richiesto dal CdS con la decisione di approvazione del PR comunale del 17 gennaio 2002. Tale conteggio potrà essere compendiato con le eventuali proposte di compenso agricolo e di conteggio di superfici SAC all’interno del territorio regionale dell’agglomerato a cui si rivolge il nuovo Centro sportivo e che interessa il settore agricolo“.

Considerando che la compensazione pecuniaria non risolve i problemi degli agricoltori, la soluzione ideale è una compensazione di parte del terreno in questione. L’indennizzo non permette infatti un approccio duraturo alla politica agricola regionale.

Il problema che si pone è dunque di compensare circa 6 ettari di superfici agricole a livello regionale. Le proposte contenute in questo rapporto preliminare riguardano il recupero di numerosi terreni abbandonati. Questa opzione permetterebbe di rendere omogenea la distribuzione sul territorio delle attività agricole e nel contempo di recuperare delle aree pregiate che spesso sono a contatto con terreni già coltivati.

L’obiettivo è quello di promuovere quei terreni che faciliterebbero le attività agricole e renderebbero più efficace la gestione aziendale dei terreni.

Roland Hochstrasser
30 novembre 2004


Osare: il progresso si ottiene solo così.
Oser: le progrès est à ce prix.
V. Hugo, Les misérables

We should be teaching our children the basic up-to-date, fact-based framework—life on the four levels and in the four regions—and training them to use Factfulness rules of thumb—the bullet points from the end of each chapter. This would enable them to put the news from around the world in context and spot when the media, activists, or salespeople are triggering their dramatic instincts with overdramatic stories. These skills are part of the critical thinking that is already taught in many schools. They would protect the next generation from a lot of ignorance.
H. Rosling, Factfulness

Please publish modules in offcanvas position.