Il turismo urbano in sintesi

Il turismo urbano in sintesi

Le città sono importanti destinazioni turistiche, in grado d'attirare decine di milioni di visitatori ogni anno. Parigi, con una decina di milioni di turisti ogni anno, è di gran lunga la principale meta turistica europea, New York è la principale porta d'ingresso per i turisti che arrivano negli Stati Uniti. I flussi sono significativi e distribuiti su gran parte dell'anno, un fatto che distingue il turismo urbano dalle altre forme di turismo e si traduce in un ruolo economico importante. Questo ruolo influenza spesso la politica di sviluppo delle città, in particolare attraverso la valorizzazione del patrimonio architettonico.

Il turismo offre quindi un'opportunità di diversificazione delle strutture economiche di una città e di modernizzazione delle infrastrutture, rendendo così possibile la creazione di posti di lavoro, di attrezzature e di entrate che non sarebbe stato possibile raggiungere altrimenti (Cazes G., Potier F., 1996).

Un approccio difficile

Lo studio del fenomeno turistico nelle città non ha prodotto una letteratura abbondante. Infatti - anche se l'argomento è indubbiamente alla moda - il turismo urbano presenta problemi specifici che limitano il suo studio. Da un lato, ci sono problemi legati alla difficoltà di definizione e delimitazione del turismo urbano. Questa difficoltà si riflette sulla carenza di dati statistici che dovrebbero catturare questi movimenti. I sistemi di osservazione statistica considerano in questo senso solo i soggiorni con pernottamento, ignorando i flussi determinati da soggiorni più brevi e visite occasionali.

D'altra parte, il turismo urbano comporta una grande complessità di flussi e una grande varietà di pratiche. I flussi verso le città sono stati a lungo sottovalutati, poco visibili rispetto ad altre attività economiche. Infatti, anche se rappresenta un'industria importante, la città conta su attività ancora più visibili: funzioni commerciali, amministrative o industriali. L'analisi del turismo in questo contesto risulta quindi ancora più complessa rispetto ad altre destinazioni di montagna o costiere che hanno una struttura economica monostrutturata centrata sul turismo (Pearce D., 1993).

La definizione di turismo urbano

La definizione di turismo urbano comporta due concetti essenziali: "turismo" e "urbano". Secondo le raccomandazioni sull'Organizzazione Mondiale del Turismo, il turista è una persona in movimento che trascorre almeno una notte in un luogo che non fa parte del suo ambiente abituale e il cui motivo della visita non è quello di svolgere un'attività retribuita nel paese visitato. Se la persona in movimento trascorre meno di ventiquattro ore nel luogo, viene definita come escursionista. Alcuni concetti rimangono imprecisi e l'eliminazione dell'escursionista dal campo del turismo non si rivela molto soddisfacente, in particolare nel contesto del turismo urbano. Questa popolazione genera infatti importanti ricadute economiche nei trasporti, nella ristorazione, nei musei, ecc.

Per quanto riguarda la definizione di "urbano", la sua definizione statistica è molto eterogenea e varia da paese a paese: 2.000, 5.000, 10.000 abitanti. La dimensione non è sempre un elemento soddisfacente per distinguere il turismo urbano dal turismo rurale, dato che grossi villaggi possono raggiungere una popolazione importante e non presentare attrazioni turistiche. Il potenziale turistico di una città è il risultato di diverse componenti, tra cui il patrimonio architettonico e artistico, le attività offerte e la concentrazione di popolazione. Alcuni autori hanno stabilito una soglia minima di 20.000 abitanti che implica un minimo di potenziale turistico dell'agglomerato (Cazes G., Potier F., 1996). A partire da queste constatazioni, il turismo urbano rappresenta l'insieme delle risorse e delle attività turistiche che si trovano nel tessuto urbano e che vengono proposte a visitatori esterni.

Tipologia delle città turistiche

  1. Le piccole città: Le piccole città, popolate da alcuni migliaia di abitanti, presentano spesso un interesse legato al patrimonio della città o alle caratteristiche della regione, come la vicinanza di coste, montagne o vigneti. Questi piccoli poli turistici possono contare su un nucleo storico o su un monumento importante. Il turismo svolge un ruolo economico fondamentale, fornendo impieghi diretti e sostenendo le attività di servizio.
  2. Le città medie: Le città popolate da alcune decine a qualche centinaia di migliaia di abitanti sono tappe turistiche importanti. Il turismo svolge un ruolo economico significativo. I quartieri storici costituiscono le parti più apprezzate del tessuto urbano. Le vecchie strade, i monumenti e le grandi piazze creano un'atmosfera che è propria di ogni città. In Europa, la rete di queste città ricche di storia, arte e cultura è molto densa.
  3. Le grandi città turistiche
    1. Le città d'arte: Il ricco patrimonio delle grandi città d'arte le rende città-musei di grandi dimensioni, costituite da un gran numero di monumenti sparsi in un vasto centro storico. La città è animata per tutto l'anno, offrendo una gamma completa di servizi, alloggi, ristoranti e svaghi. I flussi turistici sono costituiti da una clientela varia, nazionale e straniera, generando un impatto economico considerevole. L'Europa mediterranea conta diverse metropoli culturali importanti: Venezia, Firenze o Siviglia, con una popolazione compresa tra 300.000 e 700.000 abitanti.
    2. Le metropoli d'affari: Le metropoli d'affari sono i centri delle funzioni economiche e politiche e hanno una valenza mondiale. Situate principalmente nei paesi occidentali, mantengono intense relazioni con l'estero. Gli eventi professionali sono frequenti e richiedono capacità di alloggio importanti e di buon livello. L'equipaggiamento commerciale è anch'esso all'altezza del ruolo internazionale della città. In Europa si trovano ad esempio Parigi e Londra, due metropoli di importanza mondiale che detengono una quota di mercato importante nel turismo d'affari.
    3. I centri polivalenti: Le grandi città spesso presentano una struttura economica e funzioni diversificate. L'Europa conta diversi centri tra i primi ranghi mondiali per la frequentazione turistica. Le capitali politiche e amministrative come Vienna, Roma o Madrid, sono particolarmente favorite. La varietà del patrimonio urbano, il gran numero di ristoranti e di alberghi e l'offerta culturale sono i principali punti di forza di queste città, facilmente accessibili tramite i mezzi di trasporto terrestri e dotate di aeroporti internazionali. Una specificità importante del turismo in queste metropoli è il ruolo del turismo di alto livello, che si manifesta nei quartieri centrali con negozi di lusso, hotel e ristoranti prestigiosi. Il turismo d'affari e congressuale gioca anche un ruolo importante, sfruttando in particolare la buona immagine della città.
  4. Le città specializzate: Un certo numero di città sono centri turistici che si sono specializzati in una sola funzione.
    1. Le città di frontiera attirano i turisti dei paesi vicini sfruttando, tra l'altro, la differenza dei tassi di cambio. Questo turismo di transito costituisce una fonte di reddito importante per le città di frontiera, soprattutto quando il confine separa due paesi con potenziali economici diversi.
    2. Le città di pellegrinaggio attirano grandi movimenti di folla, spesso distribuiti per tutto l'anno. Sono generalmente ben servite dai mezzi di trasporto, hanno una capacità di accoglienza molto forte e sproporzionata rispetto alla popolazione residente. Il tessuto urbano si sviluppa attorno al santuario. Le principali città di pellegrinaggio sono Lourdes, che riceve ogni anno 5 milioni di visitatori, e La Mecca, principale città santa dell'islam, che accoglie 2 milioni di pellegrini ogni anno.
    3. Le città dei giochi attirano una clientela interessata ai giochi d'azzardo praticati al casinò. La fisionomia di queste città prevede un ruolo centrale per i casinò, elemento strutturante della città. Le città dei giochi più importanti si trovano negli Stati Uniti, in particolare Reno e Las Vegas.

Le pratiche del turismo urbano

La città offre una grande varietà di attività e ricchezze, ed è adatta a una frequentazione varia legata a diverse motivazioni. Il turismo d'affari si svolge in un contesto professionale e può avere vari scopi: incontri commerciali, scientifici, sociali o politici. La posta economica legata a questa forma di turismo è importante: la spesa giornaliera di un congressista sarebbe da 3 a 5 volte superiore a quella di un visitatore tradizionale (Cazes G., Potier F., 1996). Se ne possono distinguere diverse forme:

  • Viaggi d'affari: I viaggi d'affari sono strettamente legati al ruolo economico e amministrativo delle città.
  • I congressi: dei 7.000 congressi internazionali, circa 4.000 si svolgono in Europa, raggiungendo un fatturato di 60 miliardi di dollari (Hollier R., 1990). Le città più considerate da questa forma di turismo sono Parigi con 400 congressi internazionali all'anno, Londra con 300 congressi e Ginevra con 200 congressi.
  • Incentives: Gli incentives, o viaggi di incentivazione, sono viaggi offerti dalle aziende ai loro collaboratori. Sono molto apprezzati dalle destinazioni, perché contribuiscono attivamente all'allungamento della stagione turistica.
  • Fiere e saloni: Le fiere e i saloni tematici svolgono un ruolo promozionale ed economico-turistico importante, in particolare nel caso delle fiere specializzate per gli uomini d'affari.

Il turismo culturale rappresenta spesso la pratica più comune del turismo urbano. La motivazione principale di questo tipo di viaggio è la ricerca di conoscenze ed emozioni attraverso la scoperta di un patrimonio. Il patrimonio è rappresentato da tutto ciò che merita di essere conservato, quindi dalle componenti materiali e immateriali dell'identità di una società umana (Origet du Cluzeau C., 1998). È spesso in relazione con attrazioni culturali come concerti, musei, mostre o spettacoli.

Il turismo culturale presenta una grande varietà di attività. Visitare un museo o assistere a uno spettacolo sono le forme tradizionali, ma si contano anche il folklore, gli eventi sportivi, l'artigianato o i concerti. È praticato da categorie sociali relativamente ristrette, ma genera un flusso turistico importante e permette a una città di promuovere un'immagine positiva come città di cultura aperta al mondo. I principali temi del turismo culturale sono:

  • La religione, in particolare il pellegrinaggio a santuari o luoghi sacri come Lourdes, Fatima o Gerusalemme.
  • Lo studio di una lingua: lo scopo del soggiorno è l'acquisizione di una lingua su base di un programma predefinito. Questa esperienza offre la possibilità di conoscere meglio le specificità e la cultura del paese visitato.
  • Gli studi: il turismo di studi è uno spostamento motivato da una richiesta di studi che può avere diverse forme come un corso di vacanza o un corso di perfezionamento.
  • La storia: lo scopo della visita è la visita di luoghi della memoria o la visita di testimonianze archeologiche o altri monumenti.
  • La scoperta di una città, di una regione, di un paese o di un museo particolarmente riconosciuto come ad esempio il Prado di Madrid o il Louvre di Parigi.
  • Un festival, un evento, una mostra o un concerto. La gastronomia, particolarmente varia nelle città.

Il turismo commerciale è un'altra pratica importante del turismo urbano. La motivazione principale di questa forma di turismo è lo shopping. Quando queste attività si svolgono nelle strade commerciali del centro città, il consumo è rafforzato dall'animazione, dall'atmosfera e dall'effetto moda dei negozi.

Le principali caratteristiche

Stagionalità e meteo: a differenza delle altre forme di turismo, il turismo urbano si caratterizza per una distribuzione dei flussi turistici piuttosto regolare. Le conseguenze economiche di questa bassa stagionalità sono importanti, permettendo un apporto finanziario costante e un facile ammortamento delle infrastrutture messe in atto per i turisti. Le ragioni che determinano questa regolarità sono numerose, in particolare possiamo citare la complementarietà temporale di due componenti del turismo urbano. Il turismo d'affari conta principalmente soggiorni che si distribuiscono dal lunedì al venerdì fuori dai periodi di grandi vacanze, mentre il turismo di piacere diventa preponderante durante i fine settimana e le grandi vacanze. Il turismo urbano gode inoltre di una forte indipendenza rispetto alle condizioni meteorologiche, fatto che distingue ancora di più questa particolare forma di turismo. Infatti, la presenza o l'assenza di neve o di sole si rivelano fattori determinanti nei flussi verso le stazioni di montagna o sulla costa.

Grandi investimenti: a differenza delle altre forme di turismo, nel corso degli anni '90 gli investimenti per le strutture legate al turismo urbano hanno registrato una forte crescita. Si tratta in particolare di investimenti per la creazione di attrezzature per l'accoglienza di riunioni, congressi, convegni o seminari. In un mercato fortemente competitivo, le città si sono impegnate in una vera e propria corsa alle attrezzature più moderne e sofisticate. Gli investimenti riguardano anche i centri commerciali, sempre più grandi e attrezzati, in grado di diventare una vera e propria destinazione turistica come il West-Edmonton Mall in Canada.

Ciclo di vita: Ogni prodotto turistico segue un ciclo di vita che obbedisce ad un certo numero di regole comuni a qualsiasi bene o servizio. Le fasi che caratterizzano questo ciclo sono l'introduzione, la crescita, la maturità e il declino. L'introduzione è un periodo di lenta e difficile crescita che registra un alto tasso di insuccesso. L'assenza di profitti è attribuibile al mercato ristretto e agli sforzi di investimento per la progettazione, realizzazione e promozione del prodotto. La fase di crescita è caratterizzata da un sblocco della domanda sul mercato: il prodotto è conosciuto e accettato, le vendite aumentano e i profitti crescono. La fase di maturità corrisponde a una crescita delle vendite sempre più limitata in un mercato ben segmentato. La competizione aumenta tra i vari concorrenti che offrono servizi simili. Durante la fase di declino, le vendite e i profitti diminuiscono. Il prodotto non è più attraente a causa dell'arrivo sul mercato di nuovi prodotti che rispondono meglio ai nuovi bisogni dei turisti o che offrono servizi a un prezzo più competitivo. Nel contesto del turismo urbano il ciclo di vita è particolarmente complesso, dato la diversificazione dell'offerta della destinazione urbana. Infatti la città permette di praticare forme di turismo molto diverse tra loro: turismo d'affari, culturale o di svago. Questa diversificazione permette di diminuire i rischi legati a una perdita di attrattività conseguente al ciclo del prodotto.

Componente antropica: Nelle città, l'ambiente naturale svolge un ruolo limitato: in questo senso le potenzialità turistiche naturali sono secondarie rispetto alle componenti antropiche. Grazie alla città si scoprono le testimonianze della storia del paese o della regione e il genio degli uomini del presente e del passato.

Imprevedibilità e libertà d'azione: I soggiorni di breve durata sono imprevedibili perché si svolgono durante tutto l'anno e perché la decisione di partire viene spesso presa all'ultimo momento. Una volta sul posto, il contenuto del soggiorno tende a evolversi nel corso del tempo in base alle opportunità offerte. Diversi scenari vengono costruiti in base all'interesse di una determinata visita, al meteo o ad altri imprevisti. I soggiorni diventano quindi totalmente imprevedibili. I turisti costruiscono il loro proprio soggiorno, un soggiorno che corrisponda a loro, che corrisponda alla visione che hanno della città prima della partenza.

La trasformazione delle pratiche turistiche

Il turismo è un fenomeno sociale strettamente legato allo sviluppo della civiltà industriale che si mette in atto nel corso del XVIII secolo sotto l'impulso degli inglesi. Le trasformazioni economiche, sociali e tecnologiche che si sono susseguite da allora hanno determinato cambiamenti radicali nel consumo e nella percezione del turismo, cambiamenti che gli hanno permesso nel giro di un secolo di passare dal fenomeno elitario al fenomeno di massa.

Nel corso del XX secolo, il turismo si democratizza progressivamente e assume i tratti di un'industria. Prima della Seconda Guerra Mondiale, il turismo è molto sensibile alla congiuntura e agli eventi del tempo: la Prima Guerra Mondiale in particolare provoca profondi cambiamenti a livello politico e sociale. La crisi economica del 1929 rappresenta il punto finale del turismo aristocratico. L'esplosione del turismo popolare è stata favorita dall'introduzione delle ferie pagate: negli Stati Uniti sono introdotte a partire dal 1914, in Italia nel 1924, nel Regno Unito e in Germania nel 1934, in Francia nel 1936 (Bloc-Duraffour P., Mesplier A., 1992).

Dopo la Seconda Guerra Mondiale si verifica la vera espansione della pratica turistica in tutti i paesi industrializzati. Oltre alle ferie pagate, i fattori che incoraggiano questo grande cambiamento si possono trovare nella rapida crescita economica e in quella del potere d'acquisto della popolazione. L'urbanizzazione crescente genera un bisogno di evasione a causa dei vincoli subiti in città e in ufficio. I costi del trasporto ferroviario, ma anche stradale e aereo, si abbassano nettamente, permettendo alla clientela turistica internazionale di raggiungere nuove destinazioni a prezzi concorrenziali. Ora si spende di più per una settimana di sci in Svizzera che per una settimana ai Caraibi. Se il tempo libero aumenta, l'aumento dell'aspettativa di vita e l'abbassamento dell'età pensionabile contribuiscono anche all'espansione del turismo.

Il turismo urbano nel contesto delle trasformazioni delle pratiche turistiche

Si possono rilevare tre grandi tendenze:

  • La frammentazione delle partenze turistiche e l'accorciamento della durata dei soggiorni. L'evoluzione della pratica dei soggiorni brevi è determinata da diversi fattori di ordine demografico, sociale, legale, economico e tecnologico. In particolare, è necessario sottolineare il ruolo dell'aumento del tempo libero, il miglioramento delle condizioni di viaggio, il rinnovamento dei modelli e delle immagini e lo sviluppo di un'offerta turistica sempre più varia e accessibile. Questi fattori hanno portato ad una tendenza alla frammentazione dei soggiorni, rendendoli così più frequenti e più brevi nella loro durata. L'attrattiva delle città è indissolubilmente legata a questa crescita delle mobilità di breve durata.
  • L'interesse rafforzato degli individui per le risorse culturali e patrimoniali. L'interesse suscitato dalle grandi esposizioni e dagli eventi, la valorizzazione dei musei e dei monumenti della città illustrano questa tendenza. La varietà dell'offerta culturale è un elemento importante, considerato che il turista diventa sempre più esigente e informato.
  • Il rinnovamento del contesto urbano. L'attrattività e l'immagine delle città sono all'origine di un certo rigeneramento del contesto urbano, in particolare nei vecchi paesi industriali (Cazes G., Potier F., 1996). Si assiste infatti ad un'importante evoluzione della percezione: la città attiva diventa città festiva, una funzione in relazione all'emergere di una nuova concezione urbana, postmoderna o post-fordista.

Il rinnovamento dell'attrazione della città non è dovuto solo al reinvestimento a favore del decoro urbano, ma è anche il risultato della messa in atto di una politica per equipaggiare e promuovere lo spazio urbano come destinazione turistica. Il turismo appare quindi come un'opportunità di diversificazione della struttura economica della città, generatrice di entrate, di impieghi e di strutture.

Gli altri impatti del turismo sulle città

La valorizzazione del patrimonio architettonico è uno degli aspetti che ha acquisito grande importanza nella gestione delle città e che permette di sviluppare un'argomentazione turistica molto efficace. Questa politica urbana comprende diversi aspetti:

  • La manutenzione e la valorizzazione di grandi edifici come chiese, palazzi o musei. Questi elementi sono strettamente legati all'immagine di una città e richiedono all'amministrazione sforzi considerevoli dal punto di vista finanziario. In alcuni casi, in particolare dove il costo dei lavori è molto elevato, il finanziamento è condiviso tra entità locali, regionali e nazionali. Il restauro può anche portare a un finanziamento internazionale, in particolare nel contesto del patrimonio mondiale dell'umanità definito dall'UNESCO.
  • La rimodellazione dell'intero tessuto urbano centrale è in corso in diverse città per ragioni economiche, sociali e turistiche. Vengono spesso realizzati percorsi pedonali, riasfaltati e attrezzati, in occasione di lavori di riqualificazione, parcheggi o centri commerciali rafforzano l'attrattività delle aree centrali, favoriscono lo shopping, attività molto importante e lucrativa nel contesto del turismo urbano.
  • La valorizzazione del patrimonio urbano ha un impatto positivo sulla fisionomia, sulla popolazione e sulle attività del centro città. I vecchi quartieri, minacciati dal declino demografico o da una eccessiva terziarizzazione, ritrovano una certa vitalità. In questo senso, il turismo consente lo sviluppo di strutture quartiere e un servizio di trasporto pubblico efficace. D'altra parte, uno sviluppo eccessivo di ristoranti, hotel, musei, negozi e boutique può portare a una speculazione immobiliare che fa salire i prezzi delle abitazioni, spingendo così fuori dal centro le popolazioni con redditi modesti.
  • L'ingorgo di veicoli: l'afflusso massiccio di turisti determina una trasformazione significativa del funzionamento delle città. Devono creare aree per parcheggiare e gestire l'accesso di veicoli privati e autobus. Ma le aree di parcheggio sono raramente sufficienti nelle vicinanze dei principali siti, favorendo così il parcheggio selvaggio. L'inquinamento e il rumore sono naturalmente strettamente legati al traffico. In Europa, sono rari i casi in cui sono state realizzate strade di accesso o parcheggi sotterranei che preservano il sito. L'implementazione di un efficace sistema di trasporto pubblico può diventare una soluzione valida, soprattutto nelle grandi città dove la dispersione dei siti avviene su un'area centrale estesa.
  • Congestionamento e saturazione: Fenomeni di congestione e saturazione dello spazio urbano possono manifestarsi sotto la pressione turistica, in particolare durante alcuni periodi di punta. Le conseguenze che ne derivano sono l'inquinamento, l'ingorgo e la presenza di code di attesa per turisti e residenti. Questo problema si pone perché le città non hanno messo in atto una politica globale per la gestione dei flussi turistici.
  • Conseguenze a livello sociale e culturale: Le conseguenze a livello sociale e culturale del fenomeno turistico urbano sono meno tangibili rispetto a quelle a livello economico. Più in particolare, il confronto tra culture e stili di vita diversi può portare a modifiche culturali e sociali. Ad esempio, può essere istituito un sistema turistico che sfrutta la prostituzione e il turismo sessuale, con ovvie conseguenze negative sul tessuto urbano. D'altra parte, il confronto con il turista può diventare un modo per migliorare la comprensione e la tolleranza.

Il ruolo delle periferie

Il ruolo della periferia è sempre stato molto importante nella dinamica urbana, esercitando in particolare una funzione di svago e relax per gli abitanti della città. Le migrazioni in auto durante il fine settimana sono un componente comune delle grandi città dei paesi industrializzati, le cui autostrade non sono in grado di gestire l'eccesso di traffico durante il fine settimana.

L'attuale implementazione di grandi infrastrutture attribuisce una grande importanza alla periferia. Possiamo definire due corone con caratteristiche specifiche (Bloc-Duraffour P., Mesplier A., 1992):

  • La prima corona delle agglomerazioni riguarda le strutture adatte al turismo d'affari o alla domanda di svago degli abitanti della città. Nelle metropoli d'affari, vengono costruiti centri congressi completi a poca distanza dai centri delle città, in particolare all'incrocio tra le strade periferiche e le vie d'accesso agli aeroporti. Le strutture sono anche di natura sportiva, in particolare i grandi stadi polivalenti.
  • La seconda corona riguarda le strutture che richiedono molto spazio: giardini botanici o zoologici, campi da golf, circuiti automobilistici o quartieri con architettura innovativa.

La questione fondamentale sollevata da queste strutture è quella della loro concorrenza o integrazione con le funzioni tradizionali dei centri città. Queste strutture situate alla periferia dei centri urbani fanno parte integrante dell'offerta turistica delle città.

La promozione dello spazio urbano come destinazione turistica

Uno degli elementi che caratterizzano maggiormente la destinazione città è la comunicazione. Le stazioni montane e costiere adottano strategie di comunicazione focalizzate sull'affermazione della loro esistenza, devono prima di tutto farsi conoscere dai turisti. La città, al contrario, non ha questa esigenza. Infatti, è già conosciuta grazie alle sue funzioni amministrative, politiche, economiche o industriali. Pertanto, la comunicazione della destinazione urbana si basa sulle attrattive che offre.

La principale difficoltà delle organizzazioni che si occupano della promozione della città è definire quali aspetti mettere in evidenza, fare una scelta pertinente tra le innumerevoli attività offerte. La valorizzazione turistica permette di creare un ambiente sfruttando gli elementi del tessuto urbano come i parchi, i monumenti, i musei o gli eventi, pur nascondendo i componenti urbani meno apprezzati come le fabbriche o i quartieri degradati.

Queste campagne di immagine hanno ripercussioni dirette anche sui prodotti associati alla regione della città: vini, fiori, prodotti artigianali o souvenir di ogni genere. Ma una città che gode di una buona immagine può anche registrare effetti positivi a un livello indiretto, in particolare attraverso l'attrazione di potenziali investitori.

Conclusioni

Il turismo nella città è spesso presentato come una soluzione in grado di affrontare la crisi delle attività urbane tradizionali. Infatti, permette una maggiore strutturazione dell'economia urbana, il finanziamento per la cura del patrimonio artistico e le infrastrutture; d'altra parte è all'origine di una serie di problemi, in particolare quello della condivisione tra residenti e turisti di uno spazio limitato e densamente occupato. Come in altre forme turistiche, interi spazi sono stati asserviti all'attività turistica.

Alla luce di ciò che abbiamo appena visto, il turismo urbano sarà il turismo per eccellenza del futuro, a causa della rapidità delle comunicazioni, della crescita del livello culturale dei cittadini e del loro tenore di vita? (Cazes G., Potier F., 1996).

Bibliografia essenziale

  • Barçon C. (sous la dir.), Tourisme urbain, Les Cahiers Espaces, Ed. touristiques européennes, Paris, 1994
  • Bloc-Duraffour P., Mesplier A., Le tourisme dans le monde, Bréal, Rosny Cedex, 1992
  • Boyer M., Le tourisme, Ed. Seuil, Paris, 1982
  • Boyer M., Histoire du tourisme de masse, Que sais-je?, Presses Universitaires de France, Paris, 1999 soc. 316.729 uma 47159
  • Brunet R., Ferras R., Théry H., Les mots de la géographie, Dictionnaire critique, Reclus, Paris, 1992
  • Cazes G., Potier F., Le tourisme urbain, Que sais-je?, Presses Universitaires de France, Paris, 1996
  • Cunha A., Gigon N., Tourisme et économie dans la région lausannoise – Estimation des incidences économiques du tourisme, Office d’études socio-économiques et statistiques de la ville de Lausanne, Lausanne, 1992
  • Cuvelier C., La fin du tourisme fordiste. Espaces, Tourisme et Loisirs, Revue mensuelle du tourisme, des loisirs, de la culture et de l’environnement, n.ro 177, Paris, 2000
  • Hollier R., Subremon A., Le tourisme dans la Communauté Européenne, Que sais-je?, Presses Universitaires de France, Paris, 1990 380.8 tva 35704
  • Lazzarotti O., Les loisirs à la conquête des espaces périurbains, Ed. L’Harmattan, Paris, 1995
  • Lozato-Giotart J.-P., Géographie du tourisme, De l’espace regardé à l’espace consommé, Coll. Géographie, Masson, Paris, 1987
  • Origet du Cluzeau C., Le tourisme culturel, Que sais-je?, Presses Universitaires de France, Paris, 1998 soc. 316.729 uma 32741
  • Page S., Urban Tourism, Routledge, London and New York, 1995
  • Pearce D., Géographie du tourisme, Nathan, Paris, 1993
  • Poon A., Tourism, technology and competitive strategies, CAB International, Wallingford (UK), 1993
  • Van Den Berg L., Van Der Borg J., Van Der Meer J., Urban Tourism, Performance and strategies in eight European cities, Avebury, 1995

 

Roland Hochstrasser

Istituto di geografia, Università di Losanna, 2002

Comments powered by CComment