Alla ricerca del patrimonio audiovisivo ticinese

Nel 2004 Memoriav ha promosso una prima indagine sui patrimoni audiovisivi, sfociata nella pubblicazione Il patrimonio musicale e audiovisivo degli archivi e biblioteche del Cantone Ticino a cura della Fonoteca Nazionale Svizzera (FN). Il catalogo elenca fonti musicali e audiovisive presenti sul territorio e conservate presso archivi, biblioteche, comuni, parrocchie, istituzioni varie e privati cittadini, allo scopo di favorirne la conoscenza e l’accessibilità.

Tra numeri e valori: prima presenza dell’Osservatorio culturale alle Giornate della statistica svizzera

Dal 2006 in Ticino è attivo l’Osservatorio culturale: un’esperienza virtuosa a livello svizzero, che permette di dare la giusta rilevanza a un settore, quello culturale, importante e capillare, ma nel contempo difficile da monitorare e rappresentare con le statistiche tradizionali. L’Osservatorio culturale del Cantone Ticino (OC) è una realtà che conduce indagini tematiche e monitoraggi trasversali della filiera; in questi anni ha maturato un’esperienza interessante sulle strategie e i metodi di analisi quantitativi e qualitativi, con una particolare attenzione alla trasmissione dei risultati.

Il Mendrisiotto attraverso parole e immagini

Perché la Chiesa Rossa di Castel San Pietro si chiama così? A cosa servivano gli antri ricavati sopra le Cantine di Mendrisio? Chi si nasconde dietro la Chiesetta di Pontegana fra i ruderi del castello?  E poi, cosa rappresenta il Monte Generoso? Nel quinto fascicolo Territori di parole. Distretto di Mendrisio, le citazioni prese in considerazione permettono di svelare, almeno in parte, alcune di queste curiosità. Seguendo i passi di autori più o meno noti, locali o stranieri, i lettori possono cogliere dei frammenti di questi sguardi forzatamente parziali e soggettivi, ma pur sempre intriganti.